Home Bitcoin L’evoluzione dell’economia e la nascita dell’economia digitale

L’evoluzione dell’economia e la nascita dell’economia digitale

131
0
evoluzione digitale dell economia

Nel tempo l’economia ha subito profonde trasformazioni che hanno accompagnato tutte le fasi della storia umana e sono andate di pari passo con le grandi invenzioni che hanno cambiato per sempre la nostra vita quotidiana. 

L’evoluzione dell’umanità e i grandi cambiamenti della storia hanno avuto un grande impatto anche sull’economia perché hanno cambiato per sempre il nostro modo di commerciare e di fare affari, ed anche di rapportarci con gli altri. 

All’inizio l’economia era di tipo agrario, cioè era totalmente legata al duro lavoro che gli esseri umani facevano nei campi, che poteva variare molto a seconda delle stagioni e delle coltivazioni di ogni singolo campo. Questo tipo di economia produceva quasi esclusivamente beni per il consumo alimentare come frutta e verdura e non aveva bisogno di particolari strumenti tecnologici; all’inizio il lavoro era svolto quasi tutto a mano. 

Se il terreno su cui si coltivava era particolarmente fertile, il lavoro umano era l’unico strumento davvero indispensabile, da cui poteva dipendere la buona riuscita della semina e del raccolto. 

Ovviamente un’economia di tipo agrario era molto soggetta ai capricci del meteo perché bastava una grandinata, un’ondata di caldo o di freddo per rovinare interi raccolti che avrebbero potuto sfamare molte persone. Gli episodi di carestie, infatti, erano molto frequenti nei periodi in cui l’intera economia era di tipo agrario, basti pensare alle grandi carestie del Medioevo in cui morirono milioni di persone. 

Sole troppo caldo, freddo prolungato e grandinate violente erano i veri nemici dell’economia di tipo agrario perché bastava solo uno di questi fattori per mandare in rovina tutto il raccolto e gettare i contadini nella povertà estrema. 

Verso gli anni ’20 del XIX secolo l’economia conobbe l’invenzione della macchina a vapore e di trasformò in economia industriale, basata sulle industrie che usavano la tecnologia a vapore per produrre vari tipi di bene, in modo particolare abiti. Il settore tessile, infatti, fu quello che beneficiò maggiormente della macchina a vapore; la prima meccanizzazione della storia fu applicata ai telai in cui veniva lavorato il cotone per creare abiti.   

L’avvento della macchina a vapore determinò il periodo chiamato rivoluzione industriale, in cui nacquero e si moltiplicarono ben presto le prime fabbriche; nacque così anche la figura dell’imprenditore, che possedeva la fabbrica e i macchinari e provvedeva al pagamento dei lavoratori. 

In questo periodo conobbe il suo apice anche la ferrovia, che per la prima volta permetteva di muoversi con più libertà e per tratti più lunghi con un minore dispendio di tempo ed energie; grazie alla ferrovia si potevano raggiungere luoghi anche molto lontani che sarebbero stati irraggiungibili con i soli cavalli. 

Per la prima volta il lavoro delle macchine era più importante di quello dell’uomo, perché l’intera produzione dipendeva dal buon funzionamento dei macchinari delle fabbriche; se una macchina si rompeva o non funzionava bene tutto era compromesso e non si poteva tornare indietro. 

L’obiettivo di una economia di tipo industriale è produrre il maggior numero di beni per un pubblico sempre più vasto; in questo periodo nacquero e si diffusero i primi oggetti pensati appositamente per il consumo di massa. Oggetti che prima erano riservati alle elite più ricche, durante la rivoluzione industriale diventarono disponibili per tutti, grazie alle macchine che, producendo molti oggetti contemporaneamente, permisero di applicare prezzi relativamente più bassi rispetto al passato. 

È grazie alla rivoluzione industriale se oggi conosciamo il concetto di fabbrica, di lavoro, di stipendio e anche di rappresentanza sindacale, tutti temi che divennero popolari al grande pubblico proprio a partire da questo periodo storico. 

In tempi più recenti l’economia si trasformò da industriale a finanziaria, in cui tutto il sistema si basa sull’andamento della Borsa e sulle banche, uniche creatrici di ricchezza e di opportunità di investimento. 

Le banche in questo periodo diventarono il vero fulcro dell’economia; i capitali finanziari acquisirono una grande importanza perché dagli investimenti dipendeva la produttività dell’intero sistema economico. Grazie ai capitali finanziari, infatti, i fattori produttivi terra, forza lavoro e macchinari si combinano tra loro in modo più efficiente nei processi produttivi e consentono di creare una maggiore ricchezza per tutti. 

Basti pensare che grazie ad investimenti mirati è possibile per un imprenditore acquistare macchine dotate delle tecnologie più moderne e quindi produrre di più e in minor tempo, accrescendo il suo fatturato. 

La disponibilità finanziaria è quindi indispensabile per mantenere sano il sistema economico: più capitale equivale a maggiori investimenti che a loro volta permettono l’acquisto di macchinari più efficienti, e tutto ciò garantisce una produttività sempre maggiore. Si può dire che nell’economia di tipo finanziario la disponibilità di capitali da investire sia alla base dell’intero sistema perché permette agli imprenditori di aggiornarsi e quindi di creare maggiore ricchezza e di immettere sul mercato prodotti sempre nuovi. 

Nel nuovo millennio con l’avvento dei computer e dell’alta tecnologia l’economia è diventata digitale, e ciò vuol dire che l’intero sistema economico si è spostato  e si sta espandendo anche sul piano virtuale. Prima tutto era reale e tangibile, ognuno comprava oggetti concreti, che poteva toccare e vedere, mentre oggi si possono comprare anche oggetti virtuali che esistono solo nel mondo computerizzato.  

Il mondo virtuale e quello reale si toccano, i confini sono sempre meno netti e definiti, e il grande potenziamento di Internet sta rendendo possibili anche quelle cose che fino a pochi anni fa esistevano solo nei film di fantascienza. 

Nell’economia digitale tutto si può ricondurre ai bit, i segnali digitali che usano i computer per funzionare e comunicare tra loro, e questo permette di eseguire parecchie operazioni che prima richiedevano tempo e lunghi spostamenti solo con qualche semplice click direttamente dal divano di casa propria.

Molte compravendite vengono ormai concluse solamente sul computer, su apposite piattaforme Internet, senza che le due parti abbiano bisogno di incontrarsi nel mondo reale neanche per firmare documenti o per pagare. 

L’avvento dell’e-commerce è forse la più grande rivoluzione dell’economia digitale: siti Internet specializzati offrono una enorme quantità di prodotti che possono essere acquistati in pochissimo tempo solo mettendo i propri dati e pagando con carta di credito. Ventiquattro ore al giorno, in ogni angolo del mondo possiamo fare i nostri acquisti su Internet e dopo non resta che aspettare che la merce ci venga consegnata direttamente al nostro domicilio tramite posta o corriere espresso. 

La comodità di comprare ciò che più ci piace direttamente da casa senza doverci sobbarcare grandi spostamenti e perdere tempo a raggiungere i negozi e parcheggiare è senza dubbio una delle qualità più apprezzate dell’e-commerce. 

Pensiamo ad un colosso delle vendite on line come Amazon, un sito in cui si possono trovare milioni di oggetti in vendita acquistabili in pochi semplici click, usufruendo anche di forti sconti, e consegnati a casa del cliente in pochi giorni: questa è la vera rivoluzione del commercio che sta cambiando le nostre vite. 

La stessa cosa si può dire per Ebay e per Alibaba, che in pochi anni sono diventati dei colossi del web grazie ad una offerta di prodotti sempre più vasta e grazie al sistema di vendita ad asta che permette di risparmiare e allo stesso tempo di portare a casa quello specifico prodotto che altrimenti sarebbe introvabile o troppo caro. Prima per comprare ad esempio un libro bisognava uscire di casa, prendere la macchina, trovare parcheggio vicino ad una libreria e poi sperare che in quella libreria fosse disponibile il libro che cercavamo. L’economia digitale ci permette di cercare on line milioni di librerie virtuali sempre fornite di tutti gli ultimi best sellers e di acquistare il libero che vogliamo in pochi e semplicissimi passaggi senza il minimo sforzo, comodamente seduti sul nostro divano di casa o alla nostra scrivania essendo sicuri che il libro da noi scelto sarà disponibile.  

come è cambiato il mondo con la tecnologia

Anche i pagamenti con carta di credito sono diventati più comodi e più semplici, adatti per le nostre transazioni virtuali in tutta sicurezza; basta pensare alla nuove carte pensate dalle banche apposta per i pagamenti on line con meno commissioni e meno costi di transazione, alcune anche con firma digitale integrata per i pagamenti più importanti. In un certo senso anche i sistemi di pagamento si sono adeguati al mondo contemporaneo, permettendo agli utenti di usare denaro virtuale in modo facile e veloce, senza correre rischi di frode.

Piattaforme per i pagamenti virtuali come PayPal, che rendono possibile in ogni momento lo scambio di moneta virtuale in sicurezza, rappresentano senza ombra di dubbio il futuro del commercio elettronico. Accettati ovunque i pagamenti con PayPal sono semplici e sicuri e permettono di comprare qualsiasi genere di oggetto in qualunque parte del mondo senza la seccatura di dovere pensare al tasso di cambio applicato alle varie valute.

Visto il grande successo di PayPal, sono nati anche altri siti specializzati in pagamenti totalmente digitale e anche il colosso Apple ha lanciato Apple Pay, un modo innovativo di pagare attraverso iphone e ipad in pochissimi secondi; anche Amazon ha messo in campo il servizio Amazon Pay, un modo nuovo per pagare su tutti i siti di e-commerce. 

Con Internet ormai siamo abituati a fare davvero di tutto: comprare, vendere, comunicare, lavorare, prenotare viaggi e vacanze e tanto altro ancora, ottenendo anche forti sconti e approfittando di promozioni che sarebbero impossibili nel commercio reale, e si può quindi dire che una grossa fetta di sistema economico è passata dal reale al virtuale.

Anche il lavoro in molti casi si può svolgere comodamente da casa con il proprio computer senza più dover andare materialmente in ufficio oggi chiamato Smart Working e questo è un risparmio di tempo e di denaro sia per il datore di lavoro che per i lavoratori. 

L’economia digitale ha cambiato e sta cambiando profondamente le nostre vite, il nostro modo di pensare, di comunicare e di fare affari e le nuove tecnologie sono sempre più adatte a questo tipo di commercio elettronico che in pochi e semplici click riesce a spostare un enorme flusso di denaro attraverso transazioni anch’esse virtuali.

Dispositivi sempre connessi e siti sempre più specializzati con milioni di prodotti in vendita a dei prezzi tutto sommato ridotti rispetto a quelli dei negozi reali, hanno dato slancio a questo nuovo tipo di economia in cui il cliente non cerca solo il prodotto ma anche una esperienza di vendita comoda ed esclusiva, quasi personalizzata. Sia chi cerca prodotti di massa, sia chi cerca oggetti unici e personalizzati, li trovano facilmente in rete, senza perdite di tempo e lunghi giri per negozi alla ricerca di uno specifico prodotto. 

I tempi di consegna rapidi e il fatto che la merce arrivi direttamente a casa sono altre due cose che fanno apprezzare il commercio digitale alla maggior parte degli utenti, che non hanno più il tempo e la voglia di andare in giro per negozi e preferiscono ricevere tutto al proprio domicilio, senza ulteriore stress.  

Pensiamo a tutti quei siti che offrono offerte per viaggi e vacanze: prenotare un hotel e confrontare i prezzi su Internet è facile e veloce e in molti casi gli utenti possono creare da soli i loro pacchetti soggiorno personalizzati risparmiando; tutto questo è possibile anche grazie alla digitalizzazione delle agenzie viaggi che sanno sfruttare le immense potenzialità della rete per dare ai loro clienti una esperienza di viaggio davvero unica.   

La possibilità di comunicare via posta elettronica, e mail, ha ampliato a dismisura il raggio dell’economia digitale perché permette di tenere i contatti con persone anche molto lontane tra loro fisicamente e anche a molti fusi orari di distanza senza fatica e in modo relativamente economico; la stessa cosa vale per Skype, il sistema di video chiamata facile e veloce a costi contenuti.

Sono nate anche molte applicazioni di messaggistica istantanea e video chiamata gratuite, come ad esempio Whatsapp, che permettono anche di creare gruppi di chat per argomenti specifici e sono molto usati anche in ambito lavorativo.    

Si può quindi dire che l’economia digitale ha reso il mondo davvero un villaggio globale, in cui possiamo fare affari e comunicare con altre persone provenienti da tutti i continenti in pochissimo tempo direttamente dalla nostra scrivania. 

Questo sta creando nuovissime opportunità di Business che si sviluppano esclusivamente online, tanti giovani si stanno creando guadagni importanti invntandosi servizi innovativi o lavorando in modo autonomo online. Ci sono moltissimi modi per guadagnare lavorando online ad esempio citandone solo alcuni Trading, facendo affiliazioni (affiliate marketing,cioè vendo il prodotto di qualcuno e guadagno la commissione), E-commerce, marketing, network marketing, formazione, video editing, article writing, video maker, influencer etc.

E’ bene precisare che ognuno di questi lavori richiede molto studio, formazione, preparazione, dedizione e determinazione, ma questo è un altro argomento.

Nel mondo contemporaneo il commercio on line è talmente diffuso e sviluppato che sono nate delle vere e proprie monete virtuali, Bitcoin e le criptovalute, una vera e propria rivoluzione iniziata nel 2009 con Bitcoin che ha dato il via alla creazione di un vero e proprio ecosistema di servizi che si sta via via sempre più sviluppando e strutturando per permettere agli utenti di vivere un’esperienza semplice e alle attività di poter ricevere pagamenti direttamente in criptovalute.

Leggi l’articolo di come comprare criptovalute

Queste monete digitali possono essere usate infatti per gli acquisti e scambiate senza la guida e l’approvazione di una autorità monetaria centrale ma tutto attraverso una Blockchain decentralizzata.         

Il mondo sta cambiando profondamente, fermarlo sarà impossibile, meglio prepararsi al cambiamento e formarsi per trovare il proprio spazio in questo nuovo mondo digitale che arrivando come uno tsunami nelle vite di tutti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here